Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Lavoro e democrazia – ciclo di 10 lezioni

29 Settembre 2010, 17:00 - 1 Dicembre 2010, 20:00

Elenco delle lezioni e scheda di adesione

 

Le trasformazioni dell’economia, della società e della politica innescate dall’avvento dell’età globale, e tuttora in corso, hanno andamenti complessi, differenziati, contraddittori; li accomuna la perdita di centralità del lavoro, il suo divenire a un tempo raro (per chi lo cerca) e poco valutato (da chi lo offre), vitale (come strumento di sussistenza individuale) e non formativo (cioè incapace di generare uno specifico legame sociale, e anche di mettere in grado il lavoratore di decidere liberamente la propria esistenza).

Questo ciclo di incontri e di riflessioni – in cui studiosi d’ogni parte d’Italia e non solo incrociano una pluralità di saperi e di discipline – è stato pensato dagli organizzatori come l’occasione di un approfondimento analitico e critico delle condizioni del lavoro, oggi, da diversi punti di vista e su scale differenti: dalla fabbrica all’Europa, dal lavoro dequalificato a quello più evoluto, da quello subalterno a quello in cui si manifestano nuove possibili soggettività.

Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e Ires Emilia-Romagna offrono così alla città di Bologna uno spazio di conoscenza, di partecipazione e di dibattito, aperto a quanti credono che – particolarmente nel nostro tempo – sia indispensabile interpretare, rappresentare, valorizzare il lavoro, perché possa tornare ad assumere quella funzione di emancipazione umana e civile che la democrazia e la Costituzione prevedono.

Questo ciclo di incontri e di riflessioni – in cui studiosi d’ogni parte d’Italia e non solo incrociano una pluralità di saperi e di discipline – è stato pensato dagli organizzatori come l’occasione di un approfondimento analitico e critico delle condizioni del lavoro, oggi, da diversi punti di vista e su scale differenti: dalla fabbrica all’Europa, dal lavoro dequalificato a quello più evoluto, da quello subalterno a quello in cui si manifestano nuove possibili soggettività.

Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e Ires Emilia-Romagna offrono così alla città di Bologna uno spazio di conoscenza, di partecipazione e di dibattito, aperto a quanti credono che – particolarmente nel nostro tempo – sia indispensabile interpretare, rappresentare, valorizzare il lavoro, perché possa tornare ad assumere quella funzione di emancipazione umana e civile che la democrazia e la Costituzione prevedono.

Per l’elenco delle lezioni e dei relatori e per compilare la scheda di adesione clicca qui.

 

 

PROGRAMMA:

 

29/9 Lavoro e democrazia nel pensiero filosofico e politico
Carlo Galli, Università di Bologna – Giovanni Mari, Università di Firenze

Le trasformazioni del lavoro
Paolo Capuzzo, Università di Bologna – Francesco Garibaldo, Sociologo

13/10 Lavoro e rappresentanza
Andrea Lassandari, Università di Bologna – Geminello Preterossi, Università di Salerno

20/10 Il lavoro a confronto in Europa
Fausta Guarriello, Università di Chieti-Pescara – Walter Cerfeda, Cgil nazionale

27/10 Lavoro e cittadinanza nel tempo delle migrazioni
Sandro Mezzadra, Università di Bologna – Sonia McKay, Working Leaves Research Institute London

3/11 Il passato il presente e il futuro del diritto del lavoro
Umberto Romagnoli, Università di Bologna – Luigi Mariucci, Università di Venezia

10/11 Le relazioni industriali
Gian Primo Cella, Università di Milano – Mimmo Carrieri, Università di Teramo

17/11 Lavoro e soggettività
Alessandro Portelli, Università La Sapienza, Roma – Laura Bazzicalupo, Università di Salerno

24/11 Lo spazio del lavoro; il lavoro dello spazio
Vando Borghi, Università di Bologna – Marianella Sclavi, Politecnico di Milano

1/12 Il lavoro in rete
Federico Chicchi, Università di Bologna – Carlo Formenti, Università del Salento, Lecce

Dettagli

Inizio:
29 Settembre 2010, 17:00
Fine:
1 Dicembre 2010, 20:00
Categoria Evento:

Luogo

Sala dell’Aquila
Via Galliera 26
Bologna, Italia
+ Google Maps

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostra i commenti sul post