Cari tutti, jb_bear

ho aperto da poco un nuovo spazio in rete dedicato alle fiabe, ma con sguardi e prospettive del tutto particolari: ospiterà una fiaba alla settimana raccontata da poeti e scrittori, con le loro proprie sensibilità, ricordi e immaginazioni!

Perché questo luogo?

Prima di tutto perché fiaba, che nasce in una dimensione orale, vive proprio del suo continuo trasformarsi, essere riscritta o ridetta nel tempo, adeguando la sua caratteristica indeterminatezza ai luoghi e ai volti che ci circondano.

Diversi anni, inoltre, fa mi imbattei in un bel libro, Mirror, Mirror on the Wall: Women Writers Explore Their Favorite Fairy Tales, curato da Kate Bernheimer, in cui ventotto scrittrici di lingua inglese erano state invitate a scrivere un pezzo sulla loro fiaba preferita.  Perché non provarci anche con gli autori italiani, mi sono chiesta più volte da allora, nel luogo dove tutto è cominciato, con Straparola e Basile?  E perché non farlo proprio nel 2012, bicentenario della prima pubblicazione delle Fiabe dei fratelli Grimm?

Nel cercare possibili contributi, mi sono poi posta la questione generazionale: sebbene l’età non costituisca un fattore essenziale, molti degli interventi sono di autrici/ori nati dai ’70 in poi, ovvero di persone spesso cresciute con le fiabe alla Disney, piuttosto distanti dalle originali, proiettate sullo schermo del cinema, invece che nascoste nelle pagine dei libri o nella voce di nonni e genitori. La sfida è dunque riappropriarsi di questo patrimonio fiabesco, anche ragionando in modo critico su come si presti a riscritture e interpretazioni attraverso vari media. La sfida è anche tornare nei boschi magici, sapendo che accanto alla nostra infanzia con i suoi terrori e le sue attese, si snoda il percorso della storia umana, con tutto quello che ha provato a raccontarsi del mondo attorno, con l’atto di poesia, insieme feroce e ricco di una inesauribile speranza, che sono le fiabe.

Che cosa aspettate dunque a farci visita? Questo è l’indirizzo: http://fiabesca.blogspot.com ci troverete briciole, sassolini, gatti con gli stivali, animali parlanti, sirenette e alberi fatati. E un pezzetto di voi.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostra i commenti sul post