Compiti per le vacanze

Per consuetudine, prima delle vacanze, gli insegnanti assegnano a studenti, che inalberano sguardi di ripulsa, compiti da svolgere nel periodo estivo. Quindi, nel rispetto della tradizione, non posso sottrarmi all’impegno di assegnare esercizi. Esercizi inusuali, però, che, presumo, lasceranno i miei immaginari studenti, sul momento, basiti. Conviene, allora, offrire un breve preludio, che fornisca qualche…

Continua

Le buone maniere

Nel Regno Unito, dal prossimo autunno, in tutte le scuole superiori si terranno lezioni di “Social and Emotional Intelligence”. Di fronte alla maleducazione imperante, il governo ha deciso che compito delle scuole sarà anche quello di insegnare le buone maniere: le regole elementari del vivere sociale. Ricordo, perfettamente, che i miei genitori, così d’altra parte…

Continua

Correzioni

Qualche sera addietro una buona conoscente, persona colta e civile, nel corso di una conversazione ha usato il termine “mongolo” – per riferirsi a un’altra persona, con il consueto intento blandamente dispregiativo. Non ho commentato nulla, con vile rassegnazione. Così come talvolta mi è capitato anche in classe di rinunciare, per viltà o per quieto…

Continua

Una professione avanzata

Una nuova professione si è affermata e pare sempre più consolidarsi – buone, quindi, le previsioni per il futuro. Si tratta di una nuova figura di esperto, che presenta alcune caratteristiche peculiari e diverse rispetto a quelle previste nelle figure della tradizione. L’esperto in questione deve essere in grado di disquisire su di una vasta…

Continua

Ansia di prestazione…

Francia, il ministro dell’educazione annuncia di voler anticipare lo studio delle quattro operazioni: nella scuola materna si dovrebbero esercitare i bambini nel calcolo mentale. Gran Bretagna, l’intenzione del governo è di predisporre un “curriculum” per bambini da zero a cinque anni, in modo che si possa stilare un profilo dello sviluppo intellettuale, sociale ed emotivo…

Continua

…E voglia di protezione

La circolare di un ministro, la sentenza di un tribunale, un disegno di legge: rispettivamente per vietare l’uso dei cellulari in classe, regolare il consumo delle droghe leggere, imporre alcuni limiti a chi ha appena preso la patente. Ogni provvedimento, preso a sé stante, è legittimo e forse accettabile. Ma a considerarli nel suo insieme,…

Continua

Ma è proprio vero?

In un articolo che stavo leggiucchiando, l’argomento non ha molta importanza, l’attenzione si è ridestata quando sono incappata in alcune informazioni sui servizi educativi disponibili in Francia per rispondere, principalmente, alle esigenze dei genitori che lavorano. Nei municipi delle principali città francesi esiste il “quotient familial” cui le famiglie possono rivolgersi non solo per informazioni,…

Continua

Un ponte equivoco

I ponti mi piacciono, in genere, tutti. I ponticelli in legno o in pietra che eliminano anche il più piccolo impaccio nel camminare, segno di una continuità distesa. I ponti tesi sopra uno strapiombo, da attraversare con un brivido per le vertigini. Con generosità, consentono un andare oltre, altrimenti spezzato. Amo i ponti lunghissimi, magari…

Continua

La scuola non rientra fra le sfide del 2007

Nel primo numero di gennaio de “L’espresso” era inserito uno speciale intitolato: “Le sfide del 2007”; ne erano state individuate ben ventinove, da quelle planetarie a quelle a dimensione più ristretta o legate al nostro paese. Alcune affrontavano, in effetti, problemi prioritari, di altre francamente non sono riuscita a vedere l’essenzialità. Le ho lette tutte,…

Continua

L’auditel dei libri

I libri di Ernest Hemingway, le poesie di Emily Dickinson, “Il buio oltre la siepe”, i discorsi e gli scritti di Abraham Lincoln sono scomparsi o minacciano di scomparire progressivamente dalle bi-blioteche americane. Un implacabile programma software stila un elenco dei libri che non sono stati richiesti in prestito negli ultimi due anni e i…

Continua

Letterina a Babbo Natale

Caro Babbo Natale, prometto che cercherò di essere migliore, ma Tu, in cambio, devi farmi un regalo: adoperati affinché nel prossimo anno, è sufficiente per il 2007 non chiedo di più, scenda il silenzio su tutte le qualificazioni “pseudopsicosociologiche”, a quantificazione variabile, elargite agli insegnanti. Non ne posso più, rischio una reale crisi depressiva, di…

Continua

La vera sapienza

“L’uomo più intelligente del mondo svela: ho fatto il pieno di cultura a 11 euro al mese.” Incuriosita dal titolo, ho cominciato a leggere e mi sono trovata di fronte ad una storia imperniata su un topos dell’immaginario popolare, che ha una lunga e nutrita tradizione: il povero che riesce a diventare ricchissimo, anzi l’uomo…

Continua

Dati e statistiche sulla scuola

“L’Ocse boccia la scuola italiana. Stando ai numerosi dati contenuti nel rapporto dal titolo Education at a glance 2006 (uno sguardo sull’Istruzione 2006) il sistema di istruzione nazionale risulta troppo costoso se paragonato agli scarsi risultati che riesce a produrre.” La scuola italiana sembra venir bocciata in maniera irrevocabile, senza la possibilità di presentare ricorso…

Continua

L’ansia

È iniziato il nuovo anno scolastico; letti tre articoli tutti incentrati sull’ansia che può assalire bambini ed adolescenti in questa situazione. Probabilmente si ritiene che questo sia l’argomento che può interessare i lettori o che nient’altro di significativo vi sia da trattare, dato che, in ogni modo, è consuetudine scrivere un pezzo sull’evento. L’impressione, dopo…

Continua

“ottima cittadina”

Rapporto informativo dell’anno scolastico 1953-1954 del maestro *** Giudizio complessivo dell’insegnante (ottimo, distinto, buono, mediocre, cattivo): DISTINTO – Informazioni riservate – Cultura generale e professionale – Pubblicazioni: buona cultura generale e professionale. Vincitrice dell’ultimo concorso magistrale.  – Contegno con gli scolari, le famiglie, i superiori: materno, cordiale, deferente. – Assenza, osservanza dell’orario, richiami e punizioni:…

Continua