La scuola in rima

La storia semiseria della scuola in rime baciate. Per sorridere, ma non tanto, sulla situazione attuale. Si son provati in tanti, con affanno, dai precettori antichi a Carlo Magno sicuri allor che alla popolazione convenisse impartire un’istruzione Il mio paese dolce, ove il sì suona, quel grande e antico  sogno  oggi abbandona: nel mito di…

Continua

La poetessa Nobel Szymborska a Bologna

(da una sogliola molto sensibile) Stavolta una delle sogliole, narrate solitamente dalla loro prof, prende la parola in prima persona per raccontare l’esperienza profonda dell’incontro con la poetessa Wislawa Szymborska, avvenuto nell’aula di Santa Lucia a Bologna  il 26 marzo scorso.

Continua

Editori e dentisti

Un editore di prestigio pubblica il breve testo di un celebre studioso inglese, del 1930, seguita dal commento di uno specialista italiano: solo cinque euro e mezzo per alcune decine di pagine, di sobria e accurata costruzione grafica. Tutto nel libriccino fa pensare che per l’Italia si tratti di un inedito – il raffinato ripescaggio…

Continua

Oppure niente

Il ministero della pubblica istruzione ha comunicato le percentuali delle votazioni insufficienti assegnate agli studenti negli scrutini del primo quadrimestre negli istituti superiori e nella scuola media. Si tratta di dati forniti all’ingrosso, non è dato sapere il livello, lieve o grave, e la consistenza delle stesse, per cui sono scarsamente significativi. L’informazione è stata…

Continua

Si spera che cali il silenzio

Sfoglio il giornale distrattamente, l’occhio viene attirato dal termine bullo che compare nel titolo di un articoletto in cronaca. Evidentemente, ormai sono addomesticata a reagire con prontezza ad un certo segnale: una parola che compare con frequenza quasi giornaliera sulla stampa. Leggo il titolo: “Genova, tutta la classe sciopera contro il compagno bullo.” Poi, proseguo…

Continua

La nuvola e lo stagno

Ritorna Franciska, quella nuvola speciale grazie alla quale s’intrecciano realtà e fantasia. Dev’essere l’acqua. Quella di cui son fatte le nuvole, forse è l’origine della sua sensibilità così profondamente umana. Certo, quella che compone Franciska è acqua di una purezza superiore, benché nel correre per il cielo in lungo e in largo qualche briciola di…

Continua

Penna rossa

Un’insegnante ci ha scritto le motivazioni che non le hanno mai fatto usare il colore rosso per segnare gli errori dei suoi studenti. Pubblichiamo la sua lettera ed anche  una risposta/chiarimento di a.j. della redazione, che in un commento (L’autorità perduta , gennaio 2009 – Sirene –http://www.iger.org/lautoritaperduta-k-746-4.html) alla notizia che in Gran Bretagna era stata…

Continua

L’autorità perduta

Questi adulti impotenti “A scuola, alle medie come alle superiori, il professore o l’educatore non sembrano più rappresentare un simbolo sufficientemente forte per i giovani: la relazione con l’adulto è infatti percepita ormai come simmetrica. Nel senso che non esistono più una differenza, un’asimmetria, in grado di instaurare automaticamente un’autorità e di costituire al tempo…

Continua

Non c’è mosca che osi

Compito in classe, le teste chine, oggi nessuno ha scordato gli occhiali da vista. I muscoli tesi di M., non vuole sfigurare; l’aria intenta e sicura di C., le sue risposte tutte giuste; S. non cede, stavolta almeno un sei, giuro; lo sguardo sperduto di B., l’ennesima disfatta? Stavolta ho studiato. Lo so. Ricognizione aerea.…

Continua

Docenti per caso?

Ogni tanto l’università italiana viene scossa da un vortice. È quanto è accaduto anche in questi mesi per opera di una certa Mariastella. Fra le tante questioni in campo, vi è stata anche quella dei modi attraverso i quali si accede alla carriera universitaria, che sembra abbiano ben poco a spartire col merito.

Continua

Franciska

Quella volta anche Franciska era scesa sulla terra. Le sue amiche nuvole lo facevano abbastanza spesso per passare il loro panno umido sull’erba, gli alberi e le foglie, tanto per togliere loro un poco della polvere di città. Franciska invece era curiosa dei comportamenti degli umani e si era decisa ad indagare di persona questa…

Continua

PAGARE CHI VA A SCUOLA

Nella sua nuova rubrica sull’ “Internazionale”, Tullio De Mauro ci informa della singolare esperienza avviata a Washington, la capitale politica degli Stati Uniti: una somma in denaro, fino all’importo massimo di cento dollari, assegnata agli allievi che si impegnano a frequentare la scuola, e a farlo in modo assiduo e con buoni risultati.

Continua

Il nuovo libro di lettura

“Lo scopo del Giannetto è di aiutare il maestro, le maestre, le madri di famiglia nella santa impresa di istruire i figlioli e di scolpire in essi il dovere verso Dio, sé medesimo, i congiunti e la patria.” Si tratta di un’affermazione contenuta nella premessa all’edizione del 1874 (la 57.ma) di questo libro di lettura…

Continua

La politica dell’imboscata

Sembra che stia prendendo piede una nuova pratica che si potrebbe definire dell’imboscata. In un decreto si introduce un articolo che ha una limitata attinenza con il resto; lì, nascosto tra gli altri, si spera che nessuno lo legga e che sia approvato senza che se ne abbia cognizione alcuna. Purtroppo, chi ha predisposto questa…

Continua

Il diluvio

È tutto un fiorire di documenti, cortei, annunci di scioperi contro il decreto sulla scuola che in questi giorni si sta traducendo in legge, ma il sentimento che proviamo è solo quello dello scoramento. Non perché non condividiamo le ragioni della protesta, ma perché prevediamo il suo inaridirsi a novembre. Chi dovrebbe avanzare proposte alternative,…

Continua