Un libro all’indice

Un articolo di Vittorio Zucconi, pubblicato recentemente sul quotidiano “la Repubblica”, riporta l’elenco de “i dieci libri più dannosi nella storia umana” pubblicato dalla rivista americana “Human Events”. In un primo momento, sono rimasta stupita di trovare inserito al quinto posto, tra altri ampiamente prevedibili, “Democrazia ed educazione” di John Dewey. Nel libro, scritto nel…

Continua

La selezione nella scuola

Spesso, come quei maglioni che, per il lungo uso e le frequenti lavature, si restringono e s’infeltriscono, anche le parole subiscono la stessa sorte. È il caso del termine “selezione”, usato in ambito scolastico, il cui significato si è come raggrinzito: “selezionare” significa bocciare, una scuola che non boccia non seleziona. Mi guardo bene dall’affrontare…

Continua

Il fossato – due

“il denaro, le relazioni, l’intraprendenza, il sapere, i rapporti di forza acquistano allora un’enorme importanza. Si capisce meglio perché nel corso dell’esistenza tutti cerchino di accumulare queste armi in forme esasperate per potersene servire contro l’accerchiamento finale. È diversissimo cercare un farmaco raro, sollecitare un’attenzione, attrezzare una stanza, scandire utilmente il ritmo dei giorni e…

Continua

Il fossato – uno

Belli, questi giovani che affollano gli incontri sulla cultura classica, nelle serate della primavera bolognese. Fanno la fila, chiassosi e contenti; e si chiamano per nome – mi sembra di riconoscere i figli di alcuni amici, Giulio e Francesca, Virginia, forse Lorenzo. Tra poco ci sarà silenzio negli spazi solenni di S. Lucia; e l’ascolto…

Continua

“Ottima cittadina”

Rapporto informativo dell’anno scolastico 1953-1954 del maestro *** Giudizio complessivo dell’insegnante (ottimo, distinto, buono, mediocre, cattivo): DISTINTO – Informazioni riservate – Cultura generale e professionale – Pubblicazioni: buona cultura generale e professionale. Vincitrice dell’ultimo concorso magistrale. – Contegno con gli scolari, le famiglie, i superiori: materno, cordiale, deferente. – Assenza, osservanza dell’orario, richiami e punizioni:…

Continua

Da non leggere

Irresistibile l’impulso a non dare notizia dell’uscita, a maggio, della decima bozza del decreto sul secondo ciclo con i relativi nuovi quadri orario. Ebbene sì, ha dell’incredibile, siamo già alla decima versione! Il sospetto è che siano cambiamenti determinati da pressioni esercitate da gruppi, associazioni che hanno difeso i loro orticelli ed ottenuto piccole modifiche.…

Continua

Valutare – due

Una modesta proposta: sottoporre noi stessi, insegnanti, ai test imposti ai nostri studenti. Accertare le nostre ignoranze; ragionarci, discutere. E naturalmente, discuterne soprattutto con gli studenti. Per esempio, con quell’alunna sedicenne alle prese con il test d’italiano, nel quale si chiedeva il significato di parole come “smussare”, “massificato”, “fantasmagorico” – parole tali da farla sbottare,…

Continua

Famiglie

“in ‘Be my baby’ della Abc una ragazza madre sceglie a chi affidare il figlio tra cinque coppie concorrenti, mentre la Fox ha progettato un format in cui una ragazza deve riconoscere tra otto anziani il padre che l’ha abbandonata. Se vince divide con lui centomila dollari. Se no, l’impostore se ne va con i…

Continua

Valutare – uno

Lo sappiamo tutti: si valuta il rendimento degli studenti anche per valutare le scuole (e così si dice delle prove Invalsi, che in queste settimane di primavera coinvolgono alunni e insegnanti). Ma comunque la si pensi, la valutazione non è un problema solo delle scuole. E allora, può essere d’aiuto conoscere i dubbi che si…

Continua

Il decalogo del professore

1) riconoscere la dignità di ciascuno (ascoltare e ricordare: i nomi, i volti, le cose dette…) 2) essere responsabili, rendere responsabili: il primo esercizio di democrazia 3) rispettare l’intelligenza e non sottrarre/sottrarsi alle difficoltà 4) il linguaggio è sempre il nocciolo (mai ridurlo a materia) 5) essere rigorosi ma leggeri (e ridere, se possibile) 6)…

Continua

Qualcuno

La rivoluzione dei linguaggi; il peso soverchiante della televisione, dei videogiochi, di tutto ciò che è immagine. I mutamenti nel modo di apprendere. La difficoltà di astrazione; la soglia sempre più bassa di attenzione, l’assenza di concentrazione. La sovrabbondanza di informazioni, l’impossibilità di selezionarle con discernimento. La scomparsa del silenzio. E poi anche: l’esaurirsi della…

Continua

Dialoghi

“Oggi l’esule è colui che incarna meglio, modificandone il senso originario, l’ideale che Ugo di San Vittore così formulava nel XII secolo: ‹L’uomo che trova dolce la sua patria non è che un tenero principiante; colui per il quale ogni terra è come la propria è già un uomo forte; ma solo è perfetto colui…

Continua

Conferenza di un illustre in aula magna

…e all’illustre segue un mini dibattito. Una ragazza chiede strategie per insegnare. E qui casca “l’asino”(absit iniuria verbo): il quale si permette di dire che è “meglio sapere bene e insegnare male che insegnare bene e sapere male”. E lo applaudono anche! Io non sono capace di intervenire, borbotto coi miei vicini, e poi sulla…

Continua

Consigli di bellezza

Finite le festività vi siete preparati/e a tornare a scuola e nello specchio avete trovato le borse sotto gli occhi, la pelle opaca e stanca, qualche rughetta nuova sul morale? Datteri, zamponi e lettura del quotidiano hanno nociuto al vostro incarnato e alle vostre certezze? Vi serve un trattamento ad alto tenore rivitalizzante (e al…

Continua

Peccati originali

Disquisizioni sul Male nei giornali recenti (“Diario di Repubblica”, 9 dicembre 2004): come dimenticare che nasciamo macchiati dal peccato originale? Bella pensata, questa catena o catenaccio con cui si viene al mondo. Causata dalla voglia di sapere (la mela, l’albero della conoscenza, la donna), l’esecrabile curiositas… Se tale è, il vero peccato è lavarla via…

Continua