NRD – Nucleo di ricerca didattica

http://www.dm.unibo.it/rsddm/it/nrd/nrd.htm Il luogo è l’università di Bologna, il sito è quello dell’NRD (Nucleo di ricerca didattica), che fa parte dell’RSDDM (gruppo di ricerca e sperimentazione in didattica e divulgazione  della matematica). Sigle che a molti non diranno niente, ma se aggiungo che il responsabile scientifico è il professore Bruno D’Amore, subito diventerà chiaro di che…

Continua

L’ITALIANO AL TEMPO DEL RAMADAN

Ariful tira fuori la sua grammatica tascabile, cerca di aprirla alla pagina strappata che un pezzo di nastro assicurava alle altre. Dita affusolate, pelle secca a striare il dorso scuro e tremolio. Indugio su di lui fino a quando s’accuccia contro il mio tavolo e mi restituisce scattoso lo sguardo. Che si inizi pure. “Cerco…

Continua

UN BISOGNO DI INTIMITÀ

“Chi voglia rendersi conto del vero significato del comportamento di lotta deve però anche saper valutare l’importanza di un’altra condizione interna … È lo stato di pace e di tranquillità che corrisponde a ciò che chiamiamo ‘intimità’… Gli animali superiori offrono esempi di un’intimità che dura per anni, anche per tutta la vita. Presso alcune…

Continua

Cronache dalla scuola degli scoiattoli – 3

Continuano le cronache di Elena, schegge di vita scolastica tra il serie e l’ironico. Sono arrivati i ragazzi italiani dello scambio, da Sesto Fiorentino. Soggiorno inaugurato da uno scambio di bagagli: un entusiasta tredicenne si è appropriato della valigia di altri turisti che viaggiavano sullo stesso aereo. I professori lo vengono a sapere troppo tardi,…

Continua

OGGI PARLIAMO DI DON CHISCIOTTE

 Un’immagine attuale di Don Chisciotte non pare rintracciabile, se non in forme impoverite e insignificanti. Ma se la ricerca non si interrompe e se chi l’intraprende è un’insegnante di italiano con due passioni: l’insegnamento e la letteratura, si potrà scoprire che proprio in classe, nel rapporto tra insegnante e allievi, si ripropone in forme nuove…

Continua

LA STRANA EUROPA DEGLI STUDENTI (diari della sogliola, n. 13)

Al ricominciare la scuola, tutto sembra perfetto. E la nostra “pescatrice” ne ha quasi paura… Ma come filosoficamente ci dice inviandoci il suo diario, “per adesso va così”.  7 ottobre 2007 Meeting Comenius a Rimini, come per magia sistemo i ragazzi ospiti nelle famiglie della V: polacchi pallidissimi, capelli di lino e un po’ spaventati,…

Continua

ESSERE ATTRAVERSATI DA UN’IMPRESSIONE DI FELICITÀ

Primo giorno in una classe in cui 18 volti provenienti da tutti i continenti t’interrogano. Un incontro in cui fin dai primi momenti, dalle prime parole scambiate, l’insegnante avverte che deve completamente mettersi in gioco. In un intreccio di conoscenze e relazioni fluido e cangiante. (Maura aveva già scritto per le Voci,  febbraio 2007)  Dieci…

Continua

CRONACHE DALLA SCUOLA DEGLI SCOIATTOLI – 2 – 2008

Proseguono le cronache che ci invia la nostra assistente di lingua italiana ad Haydon School, Northwood Hills, Pinner, Middlesex, Londra nord-occidentale. E sono così vivide ed argute che si conquistano uno spazio autonomo (la prima puntata nel numero 39 delle Voci, insieme alle “sogliole”)  Prime nebbie. Mi riportano alla mente il natìo acquitrino padano. Stessa…

Continua

PAGINE DI RIFLESSIONI ONIRICHE SULLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

A settembre sono uscite le “Indicazioni per il curricolo per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo d’istruzione”. Un testo di 113 pagine che il Ministro della pubblica istruzione ha presentato come uno strumento di lavoro. Egli ha affermato, infatti, che, “come più volte ho ricordato, intendiamo promuovere un processo costante di innovazione, fatto…

Continua

SCUOLA OCCASIONE DI UMANO

Questa volta siamo noi di Voci a riprendere, per sottolinearlo, un intervento comparso sull’ottima rivista on line “Fuori registro” ( http://www.didaweb.net/fuoriregistro): perché avevamo già letto sulla Repubblica del 23 novembre scorso l’articolo di Marco Lodoli  che ci aveva spiazzato, quasi turbato. E poi le parole del collega Mereghetti ci hanno fatto capire. Scuola “occasione di…

Continua

UN SALUTO A MAGDA SZABÓ

Nata nel 1917 a Debracen, la scrittrice ungherese sì è spenta il 20 novembre scorso nella sua casa di Budapest, mentre leggeva. Fino al 1958 il regime aveva proibito la pubblicazione delle sue opere. Tra i suoi romanzi più conosciuti, “L’altra Ester”, “La porta”, “La ballata di Iza”.  La notizia della morte di Magda Szabò…

Continua

La chiacchiera e il silenzio

“la Repubblica”, 6 novembre 2007, tre articoli occupano un’intera pagina: “Marocchino picchiato davanti a scuola – Roma, 4 compagni lo colpiscono con calci e colpi di catena. Ha 14 anni”; “Ischia, ragazzo suicida 3 indagati per bullismo”; “Raid degli studenti allagato un liceo”. Leggo con irritato fastidio. Siamo all’ennesima segnalazione di episodi affastellati in un…

Continua

Poveruomo

La raffigurazione dell’insegnante come un poveruomo, anzi un poveraccio, si ripresenta costante nel corso del tempo.  Una rappresentazione che suscita una compassione, priva, però, di partecipazione. Questa di Verga è una delle tante varianti; risale al 1887 ed appare demodé e, forse, velata d’indulgenza.

Continua

LA NOZIONE DI COMPETENZA IN DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Conoscenza e competenza due termini ai quali, in un dibattito molto acceso, sono stati attribuiti significati diversi, che sono stati contrapposti, branditi l’uno o l’altro come vessillo. In questo scritto, in cui prosegue l’analisi sull’apprendimento della matematica, si delineano con chiarezza i due concetti e la relazione che li lega. Così come si opera una…

Continua

APPRENDIMENTO E PROBLEMI

Un docente consapevole che pensa prima di arrivare a scuola a cosa farà in classe, che pensa ai suoi studenti per far in modo che imparino. Una classe in cui c’è un bel clima di scambio reciproco. L’esempio proposto riguarda la matematica, ma qualsiasi docente potrebbe riconoscersi nell’ansia di far imparare, di facilitare il passaggio.…

Continua