Un’esemplare lezione sulla bellezza

Una notizia letta casualmente: la casa editrice Neri Pozza ha ripubblicato il romanzo di Betty Smith, “Un albero cresce a Brooklyn”. Il libro, uscito nel 1943 e tradotto per la prima volta in ita-liano nel 1947, era scomparso dalle librerie ormai da molto tempo. Mi ricordo di averlo letto una quarantina di anni fa. Lo…

Continua

Ricordi di un vecchio scolaro (e il sorriso di un maestro)

Giovanni Pascoli pubblicò sul “Resto del Carlino” del 9 febbraio 1896 un omaggio per il trentacinquesimo anniversario dell’insegnamento universitario carducciano. Giosuè Carducci è stato protagonista di molti convegni e solennità quest’anno, specie nella “sua” Bologna. Possano dunque chiudersi i tardivi fasti (saranno riusciti a togliere la polvere accumulata sul poeta delle Odi Barbare, ormai poco…

Continua

Il terrore del silenzio

Un allievo disilluso che è anche un mentore singolare, che ad un certo punto rifiuta il proprio ruolo, forse perché in crisi con se stesso; un silenzio che spaventa e infine esplode e si perde nelle strade dritte di una città inumana e senza senso… Sono gli ingredienti inconsueti di questo brano, che ben rappresenta…

Continua

Semplici e quiete parole

Questa è una delle dieci lettere che Rilke scrisse al giovane poeta Franz Xaver Kappus – nove tra il febbraio 1903 e il novembre 1904 e l’ultima nel Natale del 1908. Un giovane si apre totalmente ad un adulto, che mostra nei suoi confronti un interessamento affettuoso e partecipe. È una situazione eccezionale, certo. Ma…

Continua

C’è speranza

Non saranno molti a ricordare il libro di Mario Lodi da cui è tratto il brano. È un diario che raccoglie i momenti salienti della sua esperienza scolastica negli anni dal 1951 al 1962. Uscì nel 1972, due anni dopo il libro più famoso, “Il paese sbagliato”. Forse l’episodio raccontato da Lodi può apparire edificante;…

Continua

Parlare dall’infanzia

Un libro della memoria, quello di Walter Benjamin, scrittore e critico letterario suicidatosi per evitare la Gestapo, fatto di frammenti pensati come luoghi. Lo scrittore, influenzato da Proust, di cui fu anche traduttore, tenta un recupero memoriale ma di segno molto diverso. Inquietudine, sgomento, stupita inappartenenza sono i sentimenti che queste letture fanno emergere. Il…

Continua

Pescatori di analfabeti

Siamo nel dopoguerra ed Ariosto Aliquò, detto Osto, diplomato maestro, senza speranza di trovare lavoro, se non qualche supplenza qua e là, decide di lasciare la Sicilia per tentare di insegnare nel Polesine. Eccolo maestro, precario naturalmente, che deve trovare, anzi attirare con lusinghe, degli adulti analfabeti e convincerli a frequentare la scuola per imparare…

Continua

La lingua delle farfalle

“…como si sus palabras entusiastas tuvieran un efecto de poderosas lentes”. Potenza delle parole di un maestro! Così un monello della Galizia all’epoca della guerra civile si trasforma, andando a scuola, in un incantato e consapevole allievo grazie al maestro Gregorio. Manuel Rivas, giovane scrittore galego ha la mano felice con i racconti: è bravo…

Continua

Cronache di un esame

Giugno è tempo di esami; quello di Claudine si verificò alla fine dell’Ottocento (e il libro fu pubblicato nl 1900). Mostra, quindi, caratteristiche che possono apparire difformi rispetto a quelli attuali. Allora perché proporlo? Perché la descrizione beffarda e impertinente di Claudine può diventare un efficace antidoto nei confronti dell’implacabile rituale allestito dai media per…

Continua

Possibilità di studio per tutti

Nessuna travolgente novità, nelle parole di Einaudi; e anzi, il sapore rassicurante di un piccolo mondo ordinato, che traspare anche nell’uso di tanti termini – i fattorini, gli scapaccioni, i poltroni… Del resto si tratta di note destinate alla divulgazione popolare, nate nella contingenza della fuga in Svizzera, nel 1944. Eppure è proprio questa quieta…

Continua

Dante

Guido Gozzano: ma sì, il grande dissacratore antidannunziano; il poeta crepuscolare che rese immortali gli occhi color di stoviglia della signorina Felicita; il profeta del mondo piccolo borghese fitto di oggetti inutili e brutti; il cantore della separazione tra poesia e vita e del dissidio tra uomo e cosmo… Ecco che il poeta rievoca una…

Continua

L’ultima lezione del signor Sulitjema

Natura, letteratura, educazione… grandi temi, da raccontare con la leggerezza di uno scherzo e di una conversazione immaginaria –  Per lei personalmente, c’è qualche cosa di più importante della letteratura, e dell’arte in genere? – Di più importante, no. Di più necessario, sì: la compassione, il soccorso della vita (di una Bestia o di un…

Continua

Giocattoli

I cinquant’anni trascorsi dalla pubblicazione di questo libro hanno comportato, senza dubbio, delle trasformazioni: nuovi giocattoli sono stati messi in commercio ed anche quelli che si sono perpetuati nel tempo sono diventati, diciamo, più tecnologici. Si potrebbe anche obiettare che forme di controllo e di adeguamento a modelli sociali sono sempre esistite e che questo,…

Continua

Trattatello di gaia scienza

Gianni Rodari, uno scrittore di libri per l’infanzia e l’autore di un manuale di didattica che illustra le regole per scrivere storie? A leggere questa “intervista immaginaria”, che è un modo, senza dubbio, appropriato di parlare di lui, si scopre quanto banale sia questa immagine, quasi un tentativo di ridurlo all’ordinario.

Continua