domenica 22 luglio 2018

La Liberazione di Bologna. Un’inedita interpretazione a colori

Mercoledì 25 aprile 2018 - ore 16:30 CUBO Centro Unipol Bologna, Piazza Vieira de Mello 3-5, Bologna

In occasione del 73° anniversario della Liberazione di Bologna, CUBO in collaborazione con Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, Istituto Luce e Le Edizioni del Mulino, propone una riflessione sugli eventi che segnarono il passaggio dalla guerra al dopoguerra. Un nuovo e fortunato ritrovamento di immagini inedite a colori presso i National Archives di Washington e scattate dal Signal Corps dell’esercito americano durante la campagna d’Italia, permette di aggiungere nuovi aspetti dei giorni della liberazione.

 

Mercoledì 25 aprile alle ore 16:30 l’incontro con:

 

Luca Baldissara, Università di Pisa
Gabriele D’Autila, Università di Teramo
Enrico Menduni, Università di Roma Tre

 

coordina,

Marco Guidi, giornalista

 

con la partecipazione di
Matteo Lepore, Assessore alla cultura del Comune di Bologna

 

 

Da sabato 21 aprile a sabato 5 maggio nella Mediateca CUBO sarà allestita una MOSTRA MULTIMEDIALE, FOTOGRAFICA E DOCUMENTALE: una galleria multimediale con immagini e video che mostrano diversi aspetti della Liberazione di Bologna; su grandi pannelli sono esposte immagini a colori ritrovate, e su grandi tavoli touch sono allestiti percorsi didattici con immagini inedite provenienti dall’Archivio fotografico dell’Istituto Luce e della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna. Saranno anche esposti documenti originali d’epoca.

Il percorso virtuale mostrerà alcuni momenti della Liberazione di Bologna: le operazioni militari e la mobilitazione che precedettero il 21 aprile 1945, i festeggiamenti e la consegna delle armi nella città liberata, la ripresa della vita democratica ed il faticoso ritorno alla quotidianità dopo la fine della guerra.
I documenti provengono: dall’Archivio del Triumvirato insurrezionale, organismo di direzione del Pci in Emilia-Romagna durante gli anni della lotta di Liberazione; dall’Archivio del Comando unico militare Emilia-Romagna (Cumer) del Corpo volontari della libertà, organismo di coordinamento delle varie formazioni partigiane operanti nel territorio regionale emiliano-romagnolo durante l’occupazione nazifascista e la guerra di Liberazione; dalla Raccolta fotografica di Luigi Arbizzani, partigiano, dirigente politico del Pci, studioso dell’antifascismo e della Resistenza; dall’Archivio Sergio “Ciro” Soglia, partigiano e giornalista.

Tutti i fondi archivistici sono conservati e consultabili presso la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna.

 

Mercoledì 2 maggio alle ore 18:00 CUBO ospita una visita guidata alla mostra a cura della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna.
Ingresso libero con prenotazione obbligatoria a laboratori@cubounipol.it

 

 



Finora nessun commento a “ La Liberazione di Bologna. Un’inedita interpretazione a colori ”

E-Mail (non sarà pubblicata) *

Sito web




Inserendo un commento automaticamente garantisci una licenza perpetua a Fondazione Gramsci Emilia Romagna | Bologna per riprodurre le tue parole il nome ed il sito web relativi. Commenti inappropriati verranno rimossi a discrezione degli amministratori.

I campi con asterisco (*) sono obbligatori