Terrains vagues

“(…) In un periodo come quello che stiamo sopravvivendo, le riviste degne di questo nome debbono fare come le auto in città: trovare degli spazi di parcheggio, pena la emarginazione nei terreni vaghi di periferia. Io ritrovo la mia vocazione pedonale: amo il rumore dei passi. Se, come penso, il ciclostile dovrà ancora contrastare il…